I cookie ci aiutano ad erogare servizi di qualità. Utilizzando i nostri servizi, l'utente accetta le nostre modalità d'uso dei cookie.

Un granellino di senape

Il Granellino

Martedì 6-11-2018 (Lc 14,15-24)

Per noi cattolici la domenica è un giorno di festa. Per il mondo fare festa significa non lavorare. Oltre a questo significato, per noi cattolici significa che siamo invitati al banchetto eucaristico con il quale noi celebriamo la morte e risurrezione di Gesù Cristo nell'attesa della sua venuta. L'Eucarestia ci fa entrare misticamente nel mistero della nostra salvezza perché possiamo dire: "Sono morto al peccato e sono vivente in Cristo, pronto ad andare incontro a Cristo quando verrà a giudicare i vivi nella sua grazia e i morti perché hanno rifiutato la vita di Dio.
Nel giorno di domenica Dio non c'invita ad un evento di tristezza, ma a una festa dove il Padre ci dona cibi succulenti: la sua Parola, l'Eucarestia e l'amore scambievole dei fratelli.
I cattolici, che hanno la verità della celebrazione eucaristica, non vedono l'ora di sedersi intorno alla mensa eucaristica. Perciò, la domenica mattina i veri cattolici esclamano: "Andiamo con gioia a celebrare l'Eucarestia per vedere e gustare il Pane e il Vino della misericordia di Dio. L'Eucarestia, per noi,  è davvero una grande festa a cui si va con l'abito della festa, non solo quello esteriore, ma anche con quello interiore.
Molti cattolici, chi per una scusa e chi per un'altra, declinano l'invito. Se non erro, solo il 9% dei cattolici italiani va a celebrare l'Eucarestia domenicale. Qual è il motivo di questa percentuale così bassa? È l'ignoranza del mistero eucaristico. Molti cattolici dicono che andare a Messa non serve a niente. Così il popolo cattolico perisce per ignoranza. Cosa bisogna fare? Anzitutto i preti si devono attivare a insegnare con la parola cos'è l'Eucarestia e a celebrarla con fede e non in maniera sciatta. La gente non diceva: "Andiamo ad ascoltare Padre Pio, ma andiamo alla Messa di Padre Pio”.
Il fedele che celebra e vive l'Eucarestia non esita a chiamare,  gli altri con insistenza, a celebrarla. Bisogna riempire le nostre chiese. A Dio non piace vedere le chiese vuote e vedere l'assemblea che celebra l'Eucarestia come se stesse a teatro.
Come stai celebrando L’Eucarestia è come ritorni a casa tua dopo la celebrazione.
Amen. Alleluia.
(P. Lorenzo Montecalvo dei Padri Vocazionisti)

È stata appena pubblicata la quarta edizione del libro La perla perduta, libro che insegna a pregare. È ancora disponibile la terza raccolta de Il Granellino.
Per richiederli, telefonare ai seguenti numeri ‭331 3347521‬ - 3493165354.


 
 
 
 

Seguici su

Seguici sui Social

Questo sito non è una testata giornalistica, viene aggiornato senza periodicità definita. Non può considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001 e delle legge L. 47/1948.
© 2018 Murialdo Sicilia. All Rights Reserved.Development by G.M. e C.A.B.

Search